<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=403009&amp;fmt=gif">

Come trasferire gli url senza perdere traffico: i redirect 301

Autore: Ilaria Aguiari - di lettura

Un redirect avviene quando qualcuno richiede una pagina web specifica ma viene rinviato ad un altro contenuto, per esempio perché la pagina in questione è stata eliminata.
Senza il redirect il visitatore si troverebbe davanti una pagina di errore 404 e la sua user experience sul sito ne risentirebbe.

In questo video ti spiego cosa sono i redirect e come utilizzarli nella tua strategia SEO:

 

 


I redirect sono negativi per la SEO?

I redirect non sono negativi lato SEO, ma solo se utilizzati correttamente. Infatti, una loro errata implementazione potrebbe causare diversi tipi di problemi, come la perdita di PageRank e di traffico.

Se vuoi scoprire tecniche e strategie SEO per migliorare il tuo sito senza perdere di vista gli elementi importanti per le tue performance, puoi leggere l'articolo che ha scritto la nostra Copywriter Elisa: "Che cos'è la SEO? Tecniche per ottimizzare un sito web".

Ogni volta che esegui attività di manutenzione sul tuo sito (eliminare un post,  modificare la struttura dell'URL, cambiare dominio, ecc...), rischi di perdere traffico e posizionamento. Per evitare che questo accada, è fondamentale inviare sia gli utenti che i crawler dei  motori di ricerca ad un nuovo url funzionante, assicurandosi che la pagina sia pertinente rispetto al contenuto non più disponibile. In caso contrario, i motori di ricerca potrebbero penalizzarlo, in quanto non coerente con il contenuto ricercato dall’utente.

I progetti più complessi, come lo spostamento del sito o il passaggio dal protocollo HTTP a quello HTTPS, richiedono una strategia di migrazione degli url, per mappare correttamente ogni modifica, e l’utilizzo dello strumento “Cambio di Indirizzo” in Google Search Console per notificare a Google i cambiamenti avvenuti. REDIRECT 301 new

Redirect 301 e 302: qual è la differenza? 

I più comuni sono i redirect 301 e si utilizzano per reindirizzare gli url in modo permanente, mentre la tipologia 302 serve a segnalare ai motori di ricerca che un contenuto non è disponibile ad un determinato indirizzo web, ma solo temporaneamente. 

Il concetto di reindirizzamento non è particolarmente difficile da comprendere: la parte più complessa del lavoro è gestirli nel modo giusto.
Cosa succede se qualcosa non funziona correttamente? Come si modifica una catena di reindirizzamento? 


Vuoi mettere alla prova il tuo sito e conoscere il suo stato di salute dal punto di vista della SEO? Fai il test gratuito per ottenere una valutazione a 360°. 
 

Dopodiché potrai prenotare una call con uno dei nostri specialisti per la spiegazione dei dati presenti nell'analisi. 


New call-to-action

Categorie: SEO ed Advertising

Ilaria Aguiari

SEO/SEM specialist
Allegra e precisa, porta in ogni progetto di visibilità la sua energia positiva. Della SEO adora l’analisi keyword, perché dietro ad ogni ricerca ci stanno delle persone, che devono essere soddisfatte.

Ti abbiamo incuriosito?

Questo spazio è per te! Vuoi capire come lavoriamo e cosa possiamo fare per te? Scrivici ora! (Nessun impegno).