<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=403009&amp;fmt=gif">

Come sviluppare una strategia digitale multilingua: il caso Modula

Autore: Daniela Filip - di lettura

Una multinazionale tutta italiana con poli produttivi, filiali e rivenditori in tutto il mondo. 
Un prodotto altamente business-to-business: magazzini verticali per lo stoccaggio e il picking della merce. 

Un’azienda strutturata e dinamica, che nel tempo ha saputo creare una presenza digitale solida nei mercati di riferimento.

Due sfide importanti: 

  1. aumentare il numero di contatti in target generati dalle attività online
  2. consolidare ulteriormente la propria presenza ed autorevolezza all’estero.

Con che strategia digitale possiamo supportare l’azienda nel raggiungere questi obiettivi?

È questa la domanda a cui ci siamo trovati a rispondere e che è stata il punto di partenza per la progettazione di una strategia basata su due concetti chiave: l’inbound marketing per il blog e la SEO multilingua (blog e sito istituzionale).

Strategia digitale multilingua

 

Il target giusto non sempre è anche “pronto”

Se l’obiettivo era quello di aumentare i contatti validi provenienti dal web, l’inbound marketing ci ha consentito di fare un passo indietro per abbracciare con una visione più ampia il target di Modula. L’azienda online è rappresentata da un sito web multilingua esauriente dal punto di vista del racconto sull’azienda e i suoi prodotti e ottimo per catturare l’attenzione di chi è pronto a valutare e scegliere una soluzione specifica per il suo magazzino verticale.
E per tutti coloro che, ad esempio, non hanno idea di come un magazzino verticale si differenzi da uno orizzontale o di come programmare la logistica interna? Come parlare con questo target che ancora “brancola nel buio”? 

Non necessariamente chi ha un’azienda di produzione o rivendita è un esperto di logistica. Ma per risolvere i problemi di spazio, di velocità e di picking che gli si presentano nell’operatività quotidiana, si troverà a guardarsi intorno per cercare delle risposte. Chiederà ai suoi consulenti, certo. Ad altri imprenditori, probabilmente. Ma quasi certamente, proverà a trovare le risposte anche online. 

L’inbound marketing parte proprio da questo assunto: cerchiamo di aiutare il nostro target potenziale offrendo risposte alle sue sfide attraverso contenuti digitali interessanti. Contenuti che aiutino il lettore a inquadrare il suo problema prima e a capire che esistono delle soluzioni per risolverlo, poi. 

Da qui abbiamo sviluppato, in stretta collaborazione con il cliente, il blog Think Vertical con un piano editoriale di oltre 40 post dedicati alla logistica del magazzino e all’automazione. Tre i percorsi di contenuto, pensati in base al grado di expertise del lettore: gestione del magazzino, magazzini automatici e applicazioni dei magazzini automatici verticali Modula.

 

blog multilingua

 

 

E una volta che l’utente ha trovato un contenuto interessante? Per motivarlo a considerare il magazzino verticale come la soluzione che fa al caso suo ci viene in aiuto un percorso di micro-conversioni dove, in cambio di alcuni dati di profilazione, l’utente può avere accesso a contenuti approfonditi e di grande valore per lui. 

Dalla messa on line del blog a giugno 2018, la strategia ha portato una crescita costante di visite da organico, registrando oltre 200 conversioni, ossia nuovi lead che al momento del contatto commerciale hanno già acquisito una consapevolezza importante rispetto a quello di cui hanno bisogno.

Il blog, inizialmente rivolto al mercato italiano, è stato poi declinato per i mercati tedesco e spagnolo e tradotto anche in inglese per attrarre il target UK e europeo anglofono.

 

Trovare il proprio spazio all’estero

Ma non dimentichiamoci del secondo (last, but not least!) obiettivo: ve lo ricordate? Consolidare ulteriormente la propria presenza ed autorevolezza all’estero. 

La presenza di Modula è articolata online, nel sito istituzionale, in 17 lingue: da dove iniziare? 

Dagli obiettivi di business ovviamente. Una volta condivisi i mercati sui quali l’azienda voleva investire maggiormente, la strategia SEO ci ha permesso di migliorare la visibilità del sito Modula in lingua e del blog, lavorando per intercettare le ricerche provenienti dai motori con parole chiave relative al brand Modula, ai prodotti e alle sfide che aiutano a risolvere.

Scegliere il mercato giusto è fondamentale quando si lavora sulla visibilità, distinguendo tra una volontà di esplorazione (voglio capire se quel mercato che mi interessa ha un buon potenziale online), di lead generation o di branding.

 

Da dove partiamo?

Ti abbiamo raccontato il caso di un nostro cliente, un progetto interessante sia per la sua rilevanza internazionale sia per la sfida di allargare il numero di contatti in target in un settore altamente specializzato, come spesso accade nel b2b.

Se in questo articolo hai trovato degli spunti interessanti anche per il tuo business, contattaci per una prima consulenza gratuita. Ti aiuteremo a sviluppare la giusta strategia digitale per la tua azienda!

prenota una consulenza strategica

Categorie: Strategia e Marketing

Daniela Filip

Digital Strategist
Economista di formazione, le sue settimane si dividono tra studio e lavoro. Accetta ogni sfida sfoderando creatività e spirito di osservazione.

Ti abbiamo incuriosito?

Questo spazio è per te! Vuoi capire come lavoriamo e cosa possiamo fare per te? Scrivici ora! (Nessun impegno).