​Come scrivere la newsletter perfetta: checklist

Autore: Elisa Carraro - di lettura

Fatichi ancora alla ricerca di argomenti originali per la tua newsletter, che coinvolgano il lettore al punto da non costringerlo a cliccare sul temuto “disiscriviti”? Allora puoi dedicare due minuti alle righe che seguiranno

Prima di cimentarsi nell’ardua arte della scrittura di newsletter è necessario mettersi nei panni di chi la leggerà, essere lettori prima che scrittori, perché la nostra newsletter possa raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti, catturando l’attenzione di un pubblico interessato e qualificato.

Ricorda: siamo privilegiati e partiamo già con una marcia in più.

 

"Il nostro lettore ci ha scelto perché ha sentito il desiderio di iscriversi alla nostra newsletter ed è quindi curioso di scoprire che cosa vorremo raccontargli, mail dopo mail."

 

LA NOSTRA CHECKLIST PER LA NEWSLETTER PERFETTA

  • Mittente riconoscibile. Chi ci ha inviato una nuova mail? Ce lo chiediamo tutti quando riceviamo un nuovo messaggio di posta. É importante scegliere un mittente chiaro ed identificabile, sia esso una persona fisica, un brand o il nome di un’azienda, in questo modo riusciremo a rassicurare il destinatario che potrà più facilmente accordarci la sua fiducia e proseguire con la lettura.
  • Oggetto breve e convincente. Concentrati sul vero obiettivo della tua newsletter e riassumilo in una frase di (massimo) 50 caratteri. Inserisci numeri, percentuali per catturare l’occhio del lettore e perché no qualche emoji o dei simboli Unicode a tema. Riporta il motivo principale della tua newsletter nelle prime parole dell’oggetto. Chi riceve un’e-mail ha poco tempo da dedicare alla lettura e decide a prima vista se un contenuto può essere interessante, partendo proprio dall’oggetto. La tua newsletter potrà anche racchiudere le notizie più interessanti dell’ultimo millennio… ma se nessuno apre l’e-mail, rimarranno per sempre celate al mondo.
  • Ordina i contenuti. Prima di lanciarti in una scrittura più o meno di getto, individua quali saranno gli argomenti, pochi ma ben definiti. Prepara una bozza dove riporterai tutti i punti da sviluppare. Valuta con attenzione il loro ordine di presentazione nella mail e per ciascuno prova a pensare ad un possibile sviluppo.
  • Cura la tua comunicazione prestando attenzione a tutti i dettagli. Evita contenuti di tipo spam, che non coinvolgono il lettore ma ottengono l’effetto contrario: lo allontanano dalla tua e-mail e lo infastidiscono. Accompagna il lettore, pensando a quali contenuti potranno interessarlo di più e sviluppa testi in target. Adotta uno stile semplice, con un registro formale che non sconfini però nell’aulico e solenne.

 

P_newsletter.png

 

  • Storytelling, come non dimenticarla! Il pensiero narrativo trova espressione grazie ad una tecnica che consente di produrre racconti che affascinano, coinvolgono e lasciano nel lettore un’impressione. Facciamo breccia nella mente del nostro pubblico, offrendo la possibilità di emozionarsi e di concederci un prezioso attimo di tempo.
  • Cattura lo sguardo utilizzando un font leggibile e un layout semplice: scegli il grassetto per evidenziare i concetti più importanti, suddividi i testi in paragrafi ed ordina i contenuti utilizzando un elenco puntato. Questo ti aiuterà a definire le priorità dei temi trattati nella tua newsletter. Utilizza il maiuscolo con parsimonia e non eccedere con simboli e caratteri speciali.
  • Invita all’azione il lettore: con la giusta call-to-action il tuo pubblico si sentirà protagonista partecipe, attivo e coinvolto. Offrigli la possibilità di continuare a conoscere di più di quanto hai inizialmente accennato nella newsletter. Una comunicazione efficace segue un filo conduttore: guida il lettore, stimolando la sua curiosità, convincendolo a proseguire la lettura nel tuo sito, che raggiungerà attraverso delle pagine di atterraggio pertinenti.
  • Caccia ai refusi. Fastidiose sviste di digitazione o peggio ancora assodati errori grammaticali possono rovinare irreparabilmente un lavoro pensato e a lungo meditato. Con una buona revisione assicurati sempre di non “macchiare” la tua newsletter con refusi, rileggendo più volte, anche a distanza di tempo, tutti i contenuti testuali. Attenzione agli accenti: perché, dà, e all’apostrofo (dove non è mai presente: qual è) e dove non può mancare e non deve mai essere seguito dallo spazio.
  • Visivamente attraenti: scegli delle immagini pertinenti ai temi che tratti nella tua newsletter, offri al lettore un’anteprima invitante del testo che andrà a leggere. Una nota tecnica: aggiungi una descrizione alle tue immagini compilando l’attributo alt. Il lettore potrà sapere di cosa tratta l’immagine ancora prima di averne eseguito il download nel suo browser.
  • Rimaniamo in contatto. Nella tua newsletter prevedi una semplice formula di chiusura, un saluto e un messaggio per innescare nel lettore il sentimento d’attesa per la prossima newsletter. Non dimenticare di inserire il link all’informativa privacy e al form di disiscrizione alla newsletter, per dare la possibilità ai lettori poco interessati di non far più parte delle tue liste d’invio.
"Una newsletter è uno strumento interessante per raccontarti al lettore e renderlo personalmente coinvolto nella tua attività."

Cura con attenzione ogni dettaglio, dedica il tempo che senti necessario alla stesura ma soprattutto dai importanza a chi legge: il cliente è sempre il fulcro nevralgico della strategia! 

Cerchi altri spunti e consigli utili? Iscrivi alla newsletter: troverai novità e altri suggerimenti per ottimizzare il tuo piano di digital marketing e la tua comunicazione, per interagire e coinvolgere i tuoi clienti in modo efficace. 

Categorie: Content Marketing

Elisa Carraro

Senior Copywriter
La gentilezza in persona, più precisa e affidabile di un orologio svizzero. Scrivere è la sua grande passione, anche in diverse lingue.

Ti abbiamo incuriosito?

Questo spazio è per te! Vuoi capire come lavoriamo e cosa possiamo fare per te? Scrivici ora! (Nessun impegno).