DIGITAL STORIES

b889c9b-1451991345-des-1800x740-1.jpg

I trend digitali che domineranno il 2017

Il digitale è in continua evoluzione e ogni anno segue tendenze nuove. Per questo dovresti conoscere i cambiamenti che potrebbero avere un impatto sulle piattaforme digitali e cogliere le nuove opportunità del mercato.

Pianificare in anticipo la propria strategia sulla base di quest’analisi è il modo migliore per restare competitivi nel proprio settore e battere i competitor sul tempo.

 

trend digitali 2017

 

Ecco i trend che, con molta probabilità, domineranno l’anno appena iniziato, in materia di digital marketing, social media ed e-commerce:

 

  1. Realtà aumentata 

Quando Pokémon Go è uscito sul mercato, in pochi credevano che sarebbe stato un successo da oltre 160 milioni di dollari. L'entusiasmo per questo gioco ha dimostrato che gli utenti della rete sono pronti per le esperienze di realtà aumentata (AR), quindi possiamo aspettarci che le aziende svilupperanno per i propri clienti offerte più esperienziali, a partire da Facebook Live e Instagram Stories.

 

  1. Live Streaming e video

La richiesta di video in live streaming sta aumentando, soprattutto tra gli utenti dei social media che, smartphone alla mano, sentono sempre di più l’esigenza di vedere e condividere momenti e storie in diretta. Probabilmente nel 2017 questa tendenza raggiungerà l’apice. Si stima che entro i 2020 i video potrebbero rappresentare il 75% di tutti i contenuti, grazie alla loro capacità di calamitare l’attenzione.  

 
"Forse stai pensando che questo non riguardi il settore b2b, in cui può essere più difficile creare engagement, ma basta un po 'di creatività per riuscire a relazionarsi con gli utenti in modo coinvolgente."

 

Ti mostro un esempio. Questo video è stato realizzato da Taulia, una società specializzata in soluzioni software di gestione finanziaria:

 

Utilizzando uno scenario divertente, Taulia mostra cosa può accadere se non si utilizzano i loro servizi. Il video non solo strappa una risata, ma dà un volto più umano al brand, aiutandolo a farsi notare in quello che può essere un mercato saturo.

Puoi anche puntare su qualcosa di più pratico, ad esempio video tutorial oppure casi di studio.

 

  1. Statistiche e analisi dati

Abbiamo parlato spesso dell’importanza di analizzare e monitorare le statistiche, per ricavare informazioni uniche su il comportamento degli utenti e sul loro buyer journey, ovvero il viaggio che li porta da un problema all’azienda che può fornire la soluzione.

Più strumenti e funzionalità saranno disponibili nel prossimo futuro, maggiore sarà l’esigenza di analizzare i dati nel modo più dettagliato possibile.

 

  1. Focus sui contenuti

 Nella progettazione di siti, brochure e altri elementi di comunicazione, il focus si è spostato completamente sui contenuti, attorno a cui in un a secondo momento viene creata una grafica su misura. Un ulteriore aspetto su cui puntare è un’accurata analisi del target per realizzare contenuti sempre più personalizzati e pertinenti.

 

  1. Inbound Marketing

Nel corso del 2016, molte aziende hanno utilizzato il proprio blog per colmare quella distanza che frequentemente si pone tra azienda e potenziali clienti, applicando alcuni dei principi fondamentali dell’inbound marketing.

 

"Spendere del tempo nella realizzazione di contenuti di valore, che possano realmente essere utili ai propri clienti, è un modo per soddisfare necessità reali e instaurare relazioni."

 

Allo stesso tempo, questa strategia permette di aumentare la propria visibilità, rafforzando l’immagine del brand.

 

  1. SEO e ricerche vocali da mobile

Una ricerca condotta da Google ha rilevato che il 55% degli adolescenti e il 41% degli adulti utilizza la ricerca vocale almeno una volta al giorno. Questo dato è da tenere in considerazione nella pianificazione della strategia SEO perché durante questo tipo di ricerca vengono utilizzate frasi convenzionali che rispecchiano il linguaggio naturale. Le classiche keywords non sono più sufficienti.


  1. Contenuti con la “data di scadenza”

Il 2017 sarà un anno importantissimo per questo tipo di contenuti dalla durata limitata, introdotti da Snapchat e successivamente anche da Instagram. L’urgenza del contenuto cattura l’attenzione dell’utente e si rivela una strategia estremamente efficace.


  1. Maggiore interazione tra online e offline

Coca Cola ha lasciato il segno lo scorso novembre, lanciando sul mercato la Selfie Bottle, una bottiglia particolare dotata sul fondo di una piccola struttura in plastica con al suo interno una fotocamera in grado di scattare una foto quando si beve inclinando la bottiglia stessa. Il risultato può poi essere condiviso facilmente sui social media tramite smartphone.

 

"L’interazione tra realtà quotidiana e mondo virtuale è piaciuta molto al popolo della rete e rappresenterà uno dei trend più caldi dell’anno."

 

  1. L’utilizzo dei bot

Definiti le app del futuro, i bot sono programmati per imitare il nostro modo di comunicare al fine di offrire notizie, informazioni o assistenza per acquistare prodotti e servizi online. In poche parole, l’utente chiede, l’azienda risponde in maniera automatica.

Apprezzati per la customer experience positiva (secondo la ricerca condotta da My Clever Agency, sono il canale di comunicazione preferito da oltre l’84% dei consumatori) , i bot saranno utilizzati per risolvere reclami, fornire risposte immediate, effettuare pagamenti, fare prenotazioni, acquistare prodotti e servizi in maniera automatizzata, anche attraverso l’integrazione con applicazioni di messaggistica istantanea come Whatsapp.

 

  1. Nuovi modelli di vendita

La figura del commerciale è la chiave del successo nell’approccio al cliente. Deve condividere il valori del proprio brand e riuscire a trasmetterli al proprio interlocutore, senza dimenticare di ascoltare le sue esigenze e creare empatia.

Il venditore vecchio stampo, aggressivo e concentrato sul prodotto, non riesce più a soddisfare appieno le esigenze del cliente, che, sempre più spesso, necessita di una vera e propria consulenza. Anche noi abbiamo adottato questo modello di vendita in Bizen, perché consideriamo l’ascolto del cliente, il lavoro di squadra e la formazione valori di business positivi.


  1. Strategie bricks and clicks

L’utilizzo di canali di comunicazione differenti (sito web, social, punti vendita, ecc..) permette di creare per il cliente un’esperienza di interazione con l’azienda molto più ampia, che lo guida nel suo buyer journey.

Anche brand importanti, come Amazon e Zalando, hanno puntato sulla multicanalità e, con l’apertura di negozi fisici, hanno dimostrato che commercio locale e online possono operare in sinergia tra loro senza farsi concorrenza.

 

Alcune di queste tendenze si sono già in parte affermate, altre si sono appena affacciate sul mercato, ma in comune hanno il potenziale di essere usate per creare nuove opportunità di business.

Vuoi saperne di più? Possiamo aiutarti a costruire la tua strategia di digital marketing, affiancandoti in un percorso di formazione.


New Call-to-action

Competenze: strategie web marketing, cultura digitale

Condividi questo articolo con i tuoi contatti:

Andrea Baggio

Autore: Andrea Baggio

SEO & Web Analyst
Curioso e sempre in cerca di nuove sfide, ama la musica, le lingue straniere e il Portogallo.

CI PRESENTIAMO

Bizen, digital agency fondata nel 2007, affianca gli uffici marketing nella definizione e gestione di un piano digital marketing con l'obiettivo di valorizzare il brand online e attirare più contatti, ma quelli giusti.

Abbracciamo il cambiamento e ci lasciamo contaminare da idee ed esperienze, per delineare nuovi percorsi digitali che conquistano l’utente e costruiscono relazioni di valore.

CONDIVIDI

NEWSLETTER