DIGITAL STORIES

b889c9b-1451991345-des-1800x740-1.jpg

Inbound Marketing: alla conquista del cliente

L'inbound marketing è un nuovo approccio al marketing digitale, un metodo che ci spinge a fare un cambio di prospettiva.

Partiamo dalla conoscenza del cliente, per condurlo a noi. Oggi, con la storia di Anna, vi raccontiamo quale potrebbe essere un punto di partenza!

Cos'è l'inbound marketing? La storia di Anna

Anna è un’imprenditrice, titolare di un’azienda di medie dimensioni che produce e commercializza i suoi prodotti in tutta Italia. Recentemente ha letto e sentito parlare molto di inbound marketing e si è incuriosita: ha cercato su Google e ha trovato una definizione di Wikipedia che lo definisce così " Il termine Inbound marketing indica una modalità di marketing centrata sull'essere trovati da potenziali clienti (outside-in) in contrasto alla modalità tradizionale, detta anche outbound marketing (inside-out) che è imperniata su un messaggio direzionato unicamente verso il cliente..."
Non ha ancora le idee chiarissime, quindi ha deciso di chiedere un consiglio ad un amico, anche lui imprenditore, per farsi spiegare in parole semplici cosa vuol dire.
Il suo amico Mario le ha semplificato il concetto così:

“Io per comprendere la differenza tra inbound e outbound ho pensato a questa metafora.

Outbound è: andare a scegliere il regalo di Natale per la tua bimba. Entrare nel negozio e rendersi conto di non avere un’idea precisa… Decidere di comprare 3 regali, spendendo di più del previsto, ma con la speranza di aver azzeccato!
Inbound è: Iniziare ad indagare sul regalo desiderato dalla bimba già a Novembre e con molta nonchalance, farsi un’idea molto chiara, acquistare online una versione del regalo edizione limitata per stupirla ancora di più! Con la certezza di aver azzeccato e di averla resa felice.


Con questa metafora Anna ha le idee abbastanza chiare. Decide quindi di provare a capire quale strategia al momento sta implementando per comunicare e per trovare nuovi clienti online, se è possibile migliorare o testare qualcosa di nuovo, inserendo in qualche modo il principio del cliente dei sogni e quindi dell’inbound marketing.

 inbound-outbound.jpg

 

 

 

Quali sono gli strumenti che Anna ha a disposizione?

Anna ha un sito web, progettato in modo da mettere in evidenza il più possibile riguardo le caratteristiche della sua azienda, i prodotti e i servizi offerti, le modalità di acquisto dei prodotti stessi e le schede tecniche con maggiori informazioni. Inoltre è presente nel sito un’area news utilizzata per comunicare la partecipazione dell’azienda a fiere ed eventi di settore.

Il suo sito non è posizionato con molte parole chiave, ma solo con alcune e in particolare con quelle legate al nome del brand. Questo perché il ragionamento fatto in fase di progettazione prendeva in considerazione la fetta di potenziali clienti che conoscono già il nome del brand e visitano il sito in una fase più vicina al processo decisionale.

Di tanto in tanto Anna invia delle DEM per provare a presentare i suoi prodotti a clienti potenziali: in queste DEM descrive l’azienda e i prodotti.
Recentemente ha deciso di aprire una pagina Facebook, perché ha notato che molti competitor utilizzano lo strumento. Pubblicizza le news del sito, ogni tanto trova qualcosa di interessante per il suo settore e lo posta, pubblica qualche foto dei suoi prodotti. Le piacerebbe fare molto di più ma ha poco tempo da dedicare alla gestione.

anna.jpg 

Ragionando su questi punti Anna si rende conto che il mondo dell’inbound marketing è ancora una terra inesplorata e potrebbe essere una buona opportunità per provare a dare una spinta al brand.
Anna decide quindi di rivolgersi a dei professionisti per capire da dove partire e come fare.

La nuova digital strategy: da dove si parte per approcciare all'inbound marketing?

Primo step obbligato: analisi. Prima di qualunque decisione, fermarsi un momento, analizzare lo stato dell’arte e ripartire più consapevoli di prima!
I professionisti a cui Anna si è rivolta le lanciano subito alcuni spunti, delle domande su cui riflettere:

 Quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere con i canali online?

  • Chi sono i clienti attuali e potenziali?
  • Quelli potenziali, come cercano le informazioni? Dove le cercano?
  • Chi sono i competitor? Che strategia di promozione hanno online?
  • Che tipo di cliente arriva dal web? In che fase del processo di acquisto ci arriva?

Ma soprattutto

  • Quali sono i contenuti interessanti che posso offrire ai miei clienti attuali e potenziali?
  • Dove si trova il punto comune tra i valori espressi dal mio brand e l’interesse del mio cliente?
Tweet: CONOSCENZA DEL CLIENTE E CONTENUTO DI QUALITÀ, UN BUON INIZIO PER LA STRATEGIA DI #INBOUNDMARKETING http://bit.ly/inbound_marketing_cliente   Tweet: CONOSCENZA DEL CLIENTE E CONTENUTO DI QUALITÀ, UN BUON INIZIO PER LA STRATEGIA DI #INBOUNDMARKETING 

La strategia di inbound marketing si basa sui contenuti che possono attrarre verso il mio business i potenziali clienti: non clienti qualunque, quelli che ho individuato come il target ideale.

Per Anna è subito chiara una cosa: è necessario conoscere meglio i clienti. Prima di proporre una strategia dedicata di contenuti bisogna capire quale percorso compie il cliente prima di arrivare all’azienda, quale può essere il valore aggiunto da fornire in fase di ricerca informazioni, chi potrà produrre quei contenuti, come e dove dovranno essere veicolati.
Conoscendo il cliente, fornendogli contenuti mirati si può generare l’interesse giusto e si può avere un cliente su cui lo sforzo di comunicazione è un po’ meno impegnativo del solito.

La nuova digital strategy di Anna prevede questi passi:

  • Definire nuovi obiettivi
  • Conoscere approfonditamente i clienti
  • Preparare un piano editoriale da condividere
  • Decidere su che canali essere presenti e attivi
  • Stilare un piano di azione efficace e misurabile

Quali sono le prime azioni che potrà fare assieme alla consulenza dei professionisti che la seguiranno, a partire dagli strumenti già esistenti?

Tweet: BLOG, CONTENT, SEO: SOLO ALCUNI DEGLI INGREDIENTI DELL'#INBOUNDMARKETING MIX http://bit.ly/inbound_marketing_cliente  Tweet: BLOG, CONTENT, SEO: SOLO ALCUNI DEGLI INGREDIENTI DELL'#INBOUNDMARKETING MIX

  • Analizzare i contenuti del sito per capire se sono davvero utili per l’utente che atterra, con il supporto di un’analisi SEO dettagliata e mirata
  • Prevedere delle nuove sezioni, rispetto a diversi target di interesse e a nuove parole chiave da posizionare
  • Sfruttare l’area news più come un’area blog, non solo per raccontare eventi e fiere ma anche per veicolare contenuti di qualità per l’utente
  • Aggiungere alle DEM anche delle newsletter, per i clienti fidelizzati, per coinvolgerli e farli diventare “ambasciatori” del brand
  • Migliorare la strategia sui social ed esplorarne di nuovi

Come se la caverà Anna nel mettere in atto la sua strategia di inbound marketing? Quali sono le altre azioni da intraprendere?
Segui il nostro blog per scoprirlo!

Competenze: strategie web marketing, cultura digitale, inbound marketing

Condividi questo articolo con i tuoi contatti:

Valentina Cambareri

Autore: Valentina Cambareri

Web Project Manager
Appassionata di web marketing, il suo cuore batte nelle community e network di settore. Porta entusiasmo e nuove idee.

CI PRESENTIAMO

Bizen, digital agency fondata nel 2007, affianca gli uffici marketing nella definizione e gestione di un piano digital marketing con l'obiettivo di valorizzare il brand online e attirare più contatti, ma quelli giusti.

Abbracciamo il cambiamento e ci lasciamo contaminare da idee ed esperienze, per delineare nuovi percorsi digitali che conquistano l’utente e costruiscono relazioni di valore.

CONDIVIDI

NEWSLETTER